I portatori di spondé attraversano il paese per annunciare l’armistizio e mettere in atto la pace, incruenta, mite, irrevocabile e nel contempo definitiva. [Cfr. Burkert 2003]

Un Servizio di ascolto e consulenza per le vittime

Luogo e spazio di parola e di ascolto, dedicato e professionale, per tutti coloro che sono vittime di un reato, indipendentemente dal fatto che essi abbiano presentato una denunzia o esista un procedimento giudiziario.

A chi si rivolge

Il Servizio si rivolge a minori e adulti, uomini e donne, italiani e stranieri.
In particolare il Servizio accoglie:

  • ogni persona che abbia subito un danno,fisico, mentale o emotivo, o perdite economiche, causati direttamente da un reato.
  • i familiari di una persona la cui morte sia stata causata direttamente da un reato e che ha subito un danno in conseguenza della morte di tale persona

Il Servizio accoglie altresì tutti coloro che si sentano vittime di conflitti – anche se non degenerati in offese di rilevanza penale – che incidano sul loro benessere individuale e sulle loro relazioni.

Modalità di accesso

Il Servizio sarà aperto su appuntamento.
Tutti possono contattare direttamente il Servizio telefonando al numero 3476305590, o scrivendo all’indirizzo segreteria@associazionesponde.it.

Le istituzioni pubbliche del territorio, le FF.OO., le realtà associative del privato sociale possono inviare al Servizio le persone/vittime incontrate in virtù del loro ruolo.

L’offerta

Il Servizio è organizzato su base multidisciplinare e si avvale di un gruppo di professionisti con differenti specializzazioni, operatori sociali (assistenti sociali e educatori) giuristi e psicologi.

Il Servizio offre:

  • accoglienza e ascolto privilegiato
  • presa in carico e per tutta la durata delle difficoltà che le vittime incontrano
  • informazioni, consigli e aiuto in materia di diritti delle vittime (denuncia, procedure, indennizzo, preparazione alle udienze, etc.)
  • sostegno emotivo e psicologico
  • accompagnamento sociale (aiuto nei vari passi)
  • orientamento verso altri servizi professionali (avvocati, servizi sociali e medico-psicologici, assicurazioni, associazioni specializzate)

Il Servizio assicura la gratuità delle prestazioni, la confidenzialità, il rispetto per l’autonomia della vittima.

La metodologia di intervento adottata da tutti gli operatori del Servizio privilegia,
sin dal primo incontro, un ascolto partecipato, non direttivo e non giudicante,
che restituisce la parola alla vittima, incentivando la capacità della persona ad
esprimere i propri bisogni, ad esternare le proprie emozioni, ad essere attore delle proprie scelte.

Responsabili

La responsabile del progetto è la Dott.sa Maria Pia Giuffrida, Presidente dell’Associazione Spondé.

Sede Legale: Via Vetulonia. 43 Roma
Sede operativa di Roma: Via delle Mercede, 52. Responsabile Maria Pia Giuffrida.
Sede di Viterbo: Via Saffi,49 (c/o la provincia di Viterbo). Responsabile Lucia Ientile.
Sede di Palermo: Via Evangelista di Blasi, 12 (c/o centro Diaconale La Noce). Responsabile Maddalena Bellingreri.