I portatori di spondé attraversano il paese per annunciare l’armistizio e mettere in atto la pace, incruenta, mite, irrevocabile e nel contempo definitiva. [Cfr. Burkert 2003]

Casa del diritto e della mediazione

Il bisogno di sicurezza sempre più evidente e pressante, la lentezza del sistema giustizia e l’urgenza di trovare luoghi e spazi di parola e di ascolto per tutti coloro che si sentono e sono “vittime”, impongono di ricercare modalità idonee per dare risposte di concretezza ai diritti del cittadina ed in particolare delle vittime di un reato, in linea con le risoluzioni e direttrice del Consiglio d’Europa e delle Nazioni Unite.

È in tale ottica che si ipotizza di implementare delle iniziative diverse ma complementari che, opportunamente coordinate e sistematizzate, potranno permettere di dare una risposta concreta al bisogno di sicurezza e di costruire un sistema integrato e efficace, che ben si colloca nell’ambito territoriale.

L’Associazione Spondé ha promosso il progetto Casa del Diritto e della Mediazione che comprende:

Nel contesto del Centro di formazione vengono avviati annualmente dei corsi finalizzati alla formazione di operatori di giustizia riparativa e mediazione penale e sociale e operatori che potranno operare presso il Servizio di ascolto e consulenza delle vittime .